Warning: Illegal string offset 'html' in /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/cache/skin_cache/cacheid_1/skin_topic.php on line 926

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/cache/skin_cache/cacheid_1/skin_topic.php:926) in /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/admin/sources/classes/output/formats/html/htmlOutput.php on line 110

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/cache/skin_cache/cacheid_1/skin_topic.php:926) in /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/admin/sources/classes/output/formats/html/htmlOutput.php on line 127

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/cache/skin_cache/cacheid_1/skin_topic.php:926) in /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/admin/sources/classes/output/formats/html/htmlOutput.php on line 136

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/cache/skin_cache/cacheid_1/skin_topic.php:926) in /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/admin/sources/classes/output/formats/html/htmlOutput.php on line 137

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/cache/skin_cache/cacheid_1/skin_topic.php:926) in /mounted-storage/home160c/sub006/sc17048-YJSJ/www/forum/admin/sources/classes/output/formats/html/htmlOutput.php on line 141
Discriminazione Degli Omosessuali In Lituania - ItaLietuva Forum

Peršokti prie turinio


Discriminazione Degli Omosessuali In Lituania


81 atsakymai šioje temoje

#1 Fabius

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.150 Pranešimai
  • City:Torino
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 14:05

Segue rapporto di Amnesty International in merito all 'inserimento di una sanzione amministrativa per punire la "promozione pubblica delle relazioni omosessuali"

:laugh: :woohoo: :woohoo:

Lithuania: New move towards penalizing homosexuality
Amnesty International is seriously concerned by a new legislative initiative aiming at the
introduction of administrative sanctions for the “promotion of homosexual relations”. The
legislative proposal is blatantly discriminatory, will unlawfully restrict the right to freedom of
expression of lesbian, gay, bi-sexual and transgender people, and violate Lithuania’s
obligations under international law. Amnesty International is urging members of the
Lithuanian parliament to vote against this discriminatory amendment of the Administrative
Code.
On 12 November 2010, the Lithuanian parliament (Seimas) adopted in first reading an
amendment to the Administrative Code introducing fines of from 2,000 to 10,000 litas
(approximately €580-2,900) to punish “the public promotion of homosexual relations”.
Thirty-one members of parliament voted in favour and seven against the new Article 214 (30),
with the remaining lawmakers in the 141-seat parliament abstaining or not voting.
The draft amendment will be considered by the Committee on Legal Affairs and the Committee
on Human Rights before being submitted to the Parliament again for the second reading on 16
December.
Should these sanctions be introduced, any public expression or portrayal of, or information
about homosexuality would be banned. Such actions would include, but not be limited to,
campaigning on human rights issues relating to sexual orientation and gender identity,
providing sexual health information to lesbian, gay, bisexual and transgender people or
organizing events such as gay film festivals and Pride marches like the one held in Vilnius in
May this year.
The explanatory paper accompanying the draft bill reasons that the introduction of sanctions
would implement the “Law on the Protection of Minors against the Detrimental Effect of
Public Information”. This law, which entered into force in March 2010, bans information
accessible to children that “denigrates family values” or “promotes a different concept of
marriage and family” than the union of a man and a woman.
On 22 November, the Lithuanian President, Dalia Grybauskaite, commented on the draft
amendment to the Administrative Code stating that such initiatives damaged the Lithuanian
image and presented the country as homophobic and aggressive.
Amnesty International is concerned that the draft amendment, if entering into force, could be
applied in a way that restricted freedom of expression for lesbian, gay, bisexual and
transgender people and advocates for their rights, and that it would further aggravate
homophobia in Lithuania.
Law on Provision of Public Information
Amnesty International is also concerned that Article 39 of the Law on Provision of Public
Information, as amended in September 2010, remains in force. The amendment provides that
advertising and audiovisual communication “must not contain any manifestation or promotion
of sexual orientation” and was meant to transpose the EU Audiovisual Media Services
Directive.
However, contrary to the amended Article 39 of the Law on Provision of Public Information,
the EU Audiovisual Media Services Directive, in Article 9, states that “audiovisual commercial
communications shall not (i) prejudice respect for human dignity, (ii) include or promote any
discrimination based on sex, racial or ethnic origin, nationality, religion or belief, disability,
age or sexual orientation.”
Lithuanian authorities have maintained that the current formulation of the Law on Provision of
Public Information was not intended to prohibit reference to sexual orientation and implied its
wording was the result of a “translation mistake” that would be corrected in due course.
However, Amnesty International is not aware of any concrete measures being taken to correct
the wording to ensure appropriate transposition of the EU directive.
Amnesty International urges relevant authorities to act immediately with a view to ensure
compliance with Lithuania’s human rights obligations and to eliminate discriminatory
provisions from the law.


#2 man67

    Expert

  • Lombardia
  • 997 Pranešimai
  • City:Mantova
  • Province:Mantova (Lombardia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 14:31

View PostFabius, on Nov 29 2010, 12:05, said:

Amnesty International urges relevant authorities to act immediately with a view to ensure
compliance with Lithuania’s human rights obligations and to eliminate discriminatory
provisions from the law.


Una curiosità, ma Amnesty International e' interamente autofinanziata dai soci/sostenitori o vive grazie a contributi pubblici ?
le organizzazioni che scelgono le cause degne di essere difese e i nemici da attaccare avrebbero il dovere (come spero che sia) di autofinaziarsi per essere interamente credibili.


#3 Fabius

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.150 Pranešimai
  • City:Torino
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 14:59

View Postman67, on Nov 29 2010, 12:31, said:

Una curiosità, ma Amnesty International e' interamente autofinanziata dai soci/sostenitori o vive grazie a contributi pubblici ?
le organizzazioni che scelgono le cause degne di essere difese e i nemici da attaccare avrebbero il dovere (come spero che sia) di autofinaziarsi per essere interamente credibili.


Amnesty ha un bilancio pubblico e per norma statutaria non può riceve finanziamenti pubblici...

Una curiosità: l'oggetto del topic invece non ti solleva alcuna reazione? Forse non è chiaro che la proposta legislativa è reale e la fonte non è Amnesty ma il parlamneto lituano stesso, quindi l'eventuale credibilità o meno di chi la denuncia non c'entra un fico secco :-)


#4 man67

    Expert

  • Lombardia
  • 997 Pranešimai
  • City:Mantova
  • Province:Mantova (Lombardia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 15:18

View PostFabius, on Nov 29 2010, 12:59, said:

Amnesty ha un bilancio pubblico e per norma statutaria non può riceve finanziamenti pubblici...

Una curiosità: l'oggetto del topic invece non ti solleva alcuna reazione? Forse non è chiaro che la proposta legislativa è reale e la fonte non è Amnesty ma il parlamneto lituano stesso, quindi l'eventuale credibilità o meno di chi la denuncia non c'entra un fico secco :-)


Per la credibilità di Amnesty mi auguravo cio'.

La discriminazione degli omossesuali in ogni sua forma mi troverà sempre contrario.

Dubito che nel parlamento lituano siedano dei fanatici integralisti, difficile giudicare un decreto da una riga.


#5 man67

    Expert

  • Lombardia
  • 997 Pranešimai
  • City:Mantova
  • Province:Mantova (Lombardia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 15:30

In questi giorni si sono visti centinaia di studenti ricercatori e professionisti delle manifestazioni occupare il colosseo, la torre di Pisa e tanti altri monumenti pubblici.

Non ho visto la polizia arrestare ed incarcerare nessuno, mi spieghi cosa c'era di diverso rispetto a quello che avevano fatto quegli indipendisti veneti a san marco a parte le conseguenze per gli interessati.

Forse che il rosso garantisce l'immunita ed il verde no. Immagino che Amnesty si stia gia' muovendo per questa discriminazione.....


#6 italico

    Expert

  • Veneto
  • 708 Pranešimai
  • City:Mel (BL) e Panevezys
  • Province:Panevėžio m. (Panevėžio)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 16:03

avevo già parlato di qs argomento qualche tempo fa
http://www.italietuv...nius-t8311.html
ho sempre sostenuto e continuerò a farlo che queste discriminazioni , siano esse nei confronti degli omosex o altre "categorie sociali", sono solo i lfrutto di considerazioni delle persone dettate prevalentemente dalla religione o dal pregiudizio, oppure dall'ignoranza (nel senso di NON CONOSCENZA DEL DISCORSO)
la maledizione dell'umanità è stata , è, e purtroppo sempre resterà l'arroganza di potersi ergere a censori e portatori di PENSIERI che si ritengono "giusti" per una fetta di popolazione e quindi di marchiare coloro che si trovano in minoranza, come deviati, malati o contrari alla (loro) natura.


#7 italico

    Expert

  • Veneto
  • 708 Pranešimai
  • City:Mel (BL) e Panevezys
  • Province:Panevėžio m. (Panevėžio)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 16:19

aggiungo dal sito di amnesty l'emendamento in questione
La Lituania verso la penalizzazione dell'omosessualità
(29 dicembre 2010)

Amnesty International è profondamente preoccupata per l'approvazione, in prima lettura, di un emendamento al Codice amministrativo che prevede multe da 2000 a 10000 litas (580 - 2900 euro) per la "promozione in pubblico delle relazioni omosessuali". La seconda e definitiva lettura da parte del parlamento è prevista il 16 dicembre.

Se l'emendamento verrà approvato, qualsiasi pubblica espressione, rappresentazione o informazione sull'omosessualità verrà messa al bando. Ciò significherà impedire lo svolgimento di campagne sui diritti umani riguardanti l'orientamento sessuale e l'identità di genere, la diffusione di informazioni sulla salute sessuale così come l'organizzazione di eventi come rassegne cinematografiche sul cinema omosessuale e il Pride.

Secondo i promotori dell'iniziativa parlamentare, le multe costituirebbero l'applicazione della "Legge sulla protezione dei minori contro l'effetto negativo dell'informazione", in vigore dal marzo 2010. Questa legge vieta di far pervenire ai bambini informazioni che "denigrano i valori della famiglia" o "promuovono un'idea diversa di matrimonio e famiglia" rispetto all'unione di un uomo e di una donna.


#8 icekemia

    ItaLietuver

  • Vilnius
  • 3.250 Pranešimai
  • City:Vilnius
  • Province:Vilniaus m. (Vilniaus)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 17:14

la lituania rimane un paese pieno di contraddizioni
viene additato da molti come intollerante e xenofobo ma qui se sei gay o di colore hai un posto assicurato in tutte le trasmissioni tv, come ospite, concorrente o conduttore, indipendentemente dalle tue capacità e dalla padronanza della lingua (aspetto su cui di solito sono molto intransigenti)
penso che la legge che prevede sanzioni sia di per sé scorretta, ma forse l'idea di fondo è condivisibile
provo a spiegarmi meglio onde evitare fraintendimenti
non credo che la preoccupazione sia di tipo "familiare" non è con una manifestazione che una persona cambia orientamento sessuale, non è andando al cinema che uno può essere contagiato da un eventuale "virus della ricchionaggine" per dirlo con parole poco politically correct
credo che l'intento sia di limitare il diffondersi di iniziative "caciarone" difficilmente controllabili
se una manifestazione per i diritti è del tutto condivisibile, la maggior parte dei gay pride attuali sono tutto fuorché una richiesta di rispetto
persino il carnevale di rio sembra a confronto un convegno di suore di clausura :laugh:
il primo "gay pride" a vilnius è stato tutto sommato morigerato, non ha creato problemi di sorta (se si esclude qualche ubriaco della contromanifestazione) quindi i presupposti per bloccare iniziative del genere non sussisterebbero
il mio punto di vista è che si voglia evitare che appuntamenti ripetuti possano via via sempre più degenerare, come avviene ormai in diverse parti del mondo
non sono sicuro che la misura presa sia la più corretta, in fondo, come ben fanno notare in molti, sembra che l'intento sia volutamente discriminatorio, forse si poteva trovare una soluzione differente ma non mi sento di definire il popolo lituano una massa di intolleranti


#9 maggi

    Amateur

  • Marche
  • 411 Pranešimai
  • City:Ascoli Piceno
  • Province:Ascoli Piceno (Marche)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 18:29

"La Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea" all'articolo 21 afferma che:
1. È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l'appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, gli handicap, l'età o le tendenze sessuali.
2. Etc, etc. etc.
E fin qui ci siamo.
A mio avviso mi pare che nei nostri Paesi non ci siano stati clamorosi casi di discriminazione nei confronti di Gay, anzi come dice qualcuno appena sopra : < … ma qui se sei gay o di colore hai un posto assicurato in tutte le trasmissioni tv, come ospite, concorrente o conduttore, indipendentemente dalle tue capacità e dalla padronanza della lingua (aspetto su cui di solito sono molto intransigenti)>.
Se poi andiamo a guardare in altri settori ci rendiamo conto che omosessuali apprezzati e rispettati li troviamo ovunque, vedi artisti, cantanti, stilisti, imprenditori, uomini di spettacolo e non, etc. etc.etc,
Possiamo quindi tranquillamente affermare che salvo qualche estremo, isolato episodio l’articolo 21 della "Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea" al punto uno viene fondamentalmente onorato.
Quello che invece viene ripetutamente oltraggiato ed umiliato, è solamente il pubblico decoro quando costoro, si esibiscono alla loro maniera, con i loro costumi, con il loro linguaggio nelle loro inutili e provocatorie manifestazioni cosi dette "gay pride".
Se il loro “orgoglio Gay” è quello che vediamo in queste manifestazioni, allora carissimi signori la "Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea" all’articolo uno diventa “carta igienica”,
E non mi meraviglio poi se si scatenano violenti atti di intolleranza se volano pesanti offese e se la gente chiede rispetto per se stessa.
Si perché sono gli altri a sentirsi offesi nel vedere scene di collettivo delirio di costumi al limite della decenza ed atti osceni da nascondere agli occhi dei propri figli che, stupiti inconsapevoli ti chiedono perché quella persone facciano questo.
Io a questo non trovo adeguata risposta.
Scusate la lungaggine, concludo affermando che a mio giudizio, la sessualità debba essere vissuta nella nostra intimità, non deve per nulla essere motivo di discriminazione ne di vanto, e che per vivere bene una componente importante della nostra vita come il sesso, è meglio spegnere la luce o se a qualcuno piace di più, a lume di candela.


#10 simone86

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.022 Pranešimai
  • City:Gattinara
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 18:42

e sgarbi che dice rottinculo in tv? e berlusconi che dice meglio che apprezzare ragazze che esser gay? e la coppia gay cacciata dalla spiaggia perché si baciava? e i numerosi gay pestati a Roma e altre città?
il gay pride, tra l'altro, è disprezzato anche dalla parte più "intellettuale" della comunità omosessuale italiana, ma comunque c'è (a memoria) 1-2 volte l'anno in 1-2 città in Italia e si sa che è più una carnevalata che altro.
please!


#11 italico

    Expert

  • Veneto
  • 708 Pranešimai
  • City:Mel (BL) e Panevezys
  • Province:Panevėžio m. (Panevėžio)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 19:11

View Postmaggi, on Nov 29 2010, 16:29, said:

"La Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea" all'articolo 21 afferma che:
1. È vietata qualsiasi forma di discriminazione fondata, in particolare, sul sesso, la razza, il colore della pelle o l'origine etnica o sociale, le caratteristiche genetiche, la lingua, la religione o le convinzioni personali, le opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, l'appartenenza ad una minoranza nazionale, il patrimonio, la nascita, gli handicap, l'età o le tendenze sessuali.
2. Etc, etc. etc.
E fin qui ci siamo.
A mio avviso mi pare che nei nostri Paesi non ci siano stati clamorosi casi di discriminazione nei confronti di Gay, anzi come dice qualcuno appena sopra : < … ma qui se sei gay o di colore hai un posto assicurato in tutte le trasmissioni tv, come ospite, concorrente o conduttore, indipendentemente dalle tue capacità e dalla padronanza della lingua (aspetto su cui di solito sono molto intransigenti)>.
Se poi andiamo a guardare in altri settori ci rendiamo conto che omosessuali apprezzati e rispettati li troviamo ovunque, vedi artisti, cantanti, stilisti, imprenditori, uomini di spettacolo e non, etc. etc.etc,
Possiamo quindi tranquillamente affermare che salvo qualche estremo, isolato episodio l’articolo 21 della "Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea" al punto uno viene fondamentalmente onorato.
Quello che invece viene ripetutamente oltraggiato ed umiliato, è solamente il pubblico decoro quando costoro, si esibiscono alla loro maniera, con i loro costumi, con il loro linguaggio nelle loro inutili e provocatorie manifestazioni cosi dette "gay pride".
Se il loro “orgoglio Gay” è quello che vediamo in queste manifestazioni, allora carissimi signori la "Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea" all’articolo uno diventa “carta igienica”,
E non mi meraviglio poi se si scatenano violenti atti di intolleranza se volano pesanti offese e se la gente chiede rispetto per se stessa.
Si perché sono gli altri a sentirsi offesi nel vedere scene di collettivo delirio di costumi al limite della decenza ed atti osceni da nascondere agli occhi dei propri figli che, stupiti inconsapevoli ti chiedono perché quella persone facciano questo.
Io a questo non trovo adeguata risposta.
Scusate la lungaggine, concludo affermando che a mio giudizio, la sessualità debba essere vissuta nella nostra intimità, non deve per nulla essere motivo di discriminazione ne di vanto, e che per vivere bene una componente importante della nostra vita come il sesso, è meglio spegnere la luce o se a qualcuno piace di più, a lume di candela.






io SONO INTOLLERANTE NEI CONFRONTI DELLA TV SPAZZATURA, DELLE BESTEMMIE IN TV, DELLA VIOLENZA GRATUITA NEI CONFRONTI DI CHIUNQUE (VEDESI FILM, PUBBLICITà), della stupidità dei programmi, della stupidità dei telegiornali. Gli atti osceni li vediamo e sentiamo nelle battute di un presidente del consiglio che è un pagliaccio che rispecchia perfettamente l'intolleranza bigotta cattolica del "sistema italia".Ma per quale motivo dovrebbe scatenare intolleranza il gay pride!!?? è una manifestazione come un'altra,eccentrica e smodata, come può essere una festa tra amici, una manifestazione di piazza a napoli per la disoccupazione, dove qualcuno manifesta spogliandosi davanti a tutti i propri diritti negati, dove qualcuno simula un'impiccagione davanti a tutti per una ingiustizia subita...allora richiamiamo il decoro anche di questo, no???????????? ma quale decenza e decenza!!!!!!!!!!!!!! ma diamoci un taglio, mi sale il sangue al cervello quando sento commenti del genere. il tuo modo di pensare rappresenta perfettamente la canzone di qualche anno fa di frankie hi-nrg (quelli che benpensano)
se la sessualità deve essere vissuta in maniera intima dì ai tuoi figli di tapparsi occhi e orecchie mentre guardano la tv, mentre leggono un giornale, mentre andate per strada in auto sui cartelloni pubblicitari, non farli accedere a internet, non fargli avere un cellulare.Trova una adeguata risposta a tutta questa banale rappresentazione del sesso ovunque prima di crocifiggere chi non riesce a trovare una spazio umano in questo mondo, la via della tua redenzione mio caro amico, sta tutta nel mettersi nei panni di chi si sente emarginato, poi non piangiamo davanti a film comodamente seduti al cinema per qualche ingiustizia sociale, ricordiamoci che siamo noi stessi quelli che ogni giorno alimentano tutta questa intolleranza!!


#12 Sigmundflower

    Sigmundflower

  • Validating
  • AkisAkisAkisAkisAkis
  • 8.651 Pranešimai
  • City:Brindisi
  • Province:Brindisi (Puglia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 19:13

Io concordo con il Boss e con Maggi... :)


#13 italico

    Expert

  • Veneto
  • 708 Pranešimai
  • City:Mel (BL) e Panevezys
  • Province:Panevėžio m. (Panevėžio)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 20:07

maggi che dici di questa protesta!? niente di + e niente di meno di un gay pride, le manifestazioni o proteste per essere ascoltate devono assumere spesso toni forti.
http://dailymotion.virgilio.it/video/x8q31...alencia_animals


#14 maggi

    Amateur

  • Marche
  • 411 Pranešimai
  • City:Ascoli Piceno
  • Province:Ascoli Piceno (Marche)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 20:21

View Postitalico, on Nov 29 2010, 17:11, said:

io SONO INTOLLERANTE NEI CONFRONTI DELLA TV SPAZZATURA, DELLE BESTEMMIE IN TV, DELLA VIOLENZA GRATUITA NEI CONFRONTI DI CHIUNQUE (VEDESI FILM, PUBBLICITà), della stupidità dei programmi, della stupidità dei telegiornali. Gli atti osceni li vediamo e sentiamo nelle battute di un presidente del consiglio che è un pagliaccio che rispecchia perfettamente l'intolleranza bigotta cattolica del "sistema italia".Ma per quale motivo dovrebbe scatenare intolleranza il gay pride!!?? è una manifestazione come un'altra,eccentrica e smodata, come può essere una festa tra amici, una manifestazione di piazza a napoli per la disoccupazione, dove qualcuno manifesta spogliandosi davanti a tutti i propri diritti negati, dove qualcuno simula un'impiccagione davanti a tutti per una ingiustizia subita...allora richiamiamo il decoro anche di questo, no???????????? ma quale decenza e decenza!!!!!!!!!!!!!! ma diamoci un taglio, mi sale il sangue al cervello quando sento commenti del genere. il tuo modo di pensare rappresenta perfettamente la canzone di qualche anno fa di frankie hi-nrg (quelli che benpensano)
se la sessualità deve essere vissuta in maniera intima dì ai tuoi figli di tapparsi occhi e orecchie mentre guardano la tv, mentre leggono un giornale, mentre andate per strada in auto sui cartelloni pubblicitari, non farli accedere a internet, non fargli avere un cellulare.Trova una adeguata risposta a tutta questa banale rappresentazione del sesso ovunque prima di crocifiggere chi non riesce a trovare una spazio umano in questo mondo, la via della tua redenzione mio caro amico, sta tutta nel mettersi nei panni di chi si sente emarginato, poi non piangiamo davanti a film comodamente seduti al cinema per qualche ingiustizia sociale, ricordiamoci che siamo noi stessi quelli che ogni giorno alimentano tutta questa intolleranza!!


... <Trova una adeguata risposta a tutta questa banale rappresentazione del sesso ...>

la risposta è tutta qui, nella banalità di queste rappresentazioni ...
e continuo a dire che non riesco a trovare una adeguata risposta.



View Postitalico, on Nov 29 2010, 18:07, said:

maggi che dici di questa protesta!? niente di + e niente di meno di un gay pride, le manifestazioni o proteste per essere ascoltate devono assumere spesso toni forti.
http://dailymotion.virgilio.it/video/x8q31...alencia_animals


Ricordati solamente che tutto è lecito nel rispetto delle regole e degli altri.


#15 icekemia

    ItaLietuver

  • Vilnius
  • 3.250 Pranešimai
  • City:Vilnius
  • Province:Vilniaus m. (Vilniaus)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 20:45

io penso che ci sia un po' di confusione
evitiamo il solito raffronto italia-lituania
nel mondo i brutti sono discriminati rispetto ai belli, i grassi rispetto ai magri e via dicendo
ci sono state, e ci saranno sicuramente, iniziative contro questa disuguaglianza, ma non ho mai visto assumere gli stessi toni dei cosiddetti gay pride
i lituani sono un popolo che raramente scende in piazza a protestare, quando lo fanno poi di solito le prendono di brutto dalle forze dell'ordine

contestualizzando la decisione (quindi andando oltre il comune senso di giustizia e morale comune ma valutando solo il sistema Lituania) come ho detto penso che l'idea di fondo fosse di evitare il diffondersi di forme di protesta civile che possano degenerare
è facile dire che questo limita le forme di espressione della libertà, ma quando poi tocca contare i feriti (scongiurando che non ci scappi il morto) in molti si chiedono se era davvero necessario organizzare la manifestazione in questione
inoltre spesso si ottiene il risultato opposto

io resto convinto che per dissolvere i pregiudizi e le discriminazioni l'unica via possibile sia l'educazione
da quello che vedo i vari gay pride, i giorni della memoria e tutte queste manifestazioni che cercano di forzare l'interesse dell'opinione pubblica ottengono spesso consensi solo di facciata e nel frattempo suscita molte antipatie e fastidi
c'è da chiedersi se siano davvero utili alla fine dei conti o se non sia meglio puntare su un altro tipo di iniziative che siano più facilmente assimilabili, senza rischi di rigetto


#16 italico

    Expert

  • Veneto
  • 708 Pranešimai
  • City:Mel (BL) e Panevezys
  • Province:Panevėžio m. (Panevėžio)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 20:55

View Postmaggi, on Nov 29 2010, 18:21, said:

... <Trova una adeguata risposta a tutta questa banale rappresentazione del sesso ...>

la risposta è tutta qui, nella banalità di queste rappresentazioni ...
e continuo a dire che non riesco a trovare una adeguata risposta.
Ricordati solamente che tutto è lecito nel rispetto delle regole e degli altri.

banalità!!?? per te è una banalità, per chi fa un gay pride non lo è!! come puoi snobbare un valore altrui solo perchè non è tuo!? per te non è banale proteggere i tuoi figli ...giusto???? per queste persone non è banale tutto quello che fanno. il gay pride non è una banale rappresentazione del sesso come si vede in tv, è un MURO DIFENSIVO nei confronti di una società che ti attacca, non c'è nulla di banale e ridicolo nel difendere i propri ideali e diritti!

Delle regole!!?? degli altri!? le tue di regole, DETTATE DALLA BUONCOSTUME!?
Il rispetto delle regole e degli altri ti passa davanti tutti i giorni quando non ti fermi sulle strisce, quando ti giri dall'altra parta quando qualcuno è in difficoltà, quando fai il dito in auto...
le regole e gli altri si rispettano così, non di certo facendo casino e urlando slogan per strada vestiti in maniera stravagante!!


#17 maggi

    Amateur

  • Marche
  • 411 Pranešimai
  • City:Ascoli Piceno
  • Province:Ascoli Piceno (Marche)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 21:05

View Posticekemia, on Nov 29 2010, 18:45, said:

io penso che ci sia un po' di confusione
evitiamo il solito raffronto italia-lituania
nel mondo i brutti sono discriminati rispetto ai belli, i grassi rispetto ai magri e via dicendo
ci sono state, e ci saranno sicuramente, iniziative contro questa disuguaglianza, ma non ho mai visto assumere gli stessi toni dei cosiddetti gay pride
i lituani sono un popolo che raramente scende in piazza a protestare, quando lo fanno poi di solito le prendono di brutto dalle forze dell'ordine

contestualizzando la decisione (quindi andando oltre il comune senso di giustizia e morale comune ma valutando solo il sistema Lituania) come ho detto penso che l'idea di fondo fosse di evitare il diffondersi di forme di protesta civile che possano degenerare
è facile dire che questo limita le forme di espressione della libertà, ma quando poi tocca contare i feriti (scongiurando che non ci scappi il morto) in molti si chiedono se era davvero necessario organizzare la manifestazione in questione
inoltre spesso si ottiene il risultato opposto

io resto convinto che per dissolvere i pregiudizi e le discriminazioni l'unica via possibile sia l'educazione
da quello che vedo i vari gay pride, i giorni della memoria e tutte queste manifestazioni che cercano di forzare l'interesse dell'opinione pubblica ottengono spesso consensi solo di facciata e nel frattempo suscita molte antipatie e fastidi
c'è da chiedersi se siano davvero utili alla fine dei conti o se non sia meglio puntare su un altro tipo di iniziative che siano più facilmente assimilabili, senza rischi di rigetto



Mi trovo perfettamente d'accordo, e ribadisco che il buon costume produce sempre di più del malcostume.
In nome della protesta non ci si deve sempre arrogare del diritto di poter fare tutto, c'è sempre un confine, un limite da non oltrepassare.
Il pregiudizio e la discriminazione non si potranno mai sconfiggere con la provocazione.
Questa produce solamente reazioni di segno opposto di quello che uno spera di ottenere.
L'educazione, una maggior cultura al rispetto di tutti da dare alle nuove generazioni non passano attraverso manifestazioni del genere di cui appena sopra.
Se la TV non ci aiuta, se la politica fa spallucce, se la scuola è assente, possiamo sempre dare un nostro contributo ad educare i nostri "vicini".
Ma dire questo non significa riconoscere a "certe manifestazioni" il merito di muovere le coscienze, anzi esse danno un grosso freno a un processo di maggiore accettazione di chi in un verso o nell'altro è diverso.


#18 maggi

    Amateur

  • Marche
  • 411 Pranešimai
  • City:Ascoli Piceno
  • Province:Ascoli Piceno (Marche)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 21:22

View Postitalico, on Nov 29 2010, 18:55, said:

banalità!!?? per te è una banalità, per chi fa un gay pride non lo è!! come puoi snobbare un valore altrui solo perchè non è tuo!? per te non è banale proteggere i tuoi figli ...giusto???? per queste persone non è banale tutto quello che fanno. il gay pride non è una banale rappresentazione del sesso come si vede in tv, è un MURO DIFENSIVO nei confronti di una società che ti attacca, non c'è nulla di banale e ridicolo nel difendere i propri ideali e diritti!

Delle regole!!?? degli altri!? le tue di regole, DETTATE DALLA BUONCOSTUME!?
Il rispetto delle regole e degli altri ti passa davanti tutti i giorni quando non ti fermi sulle strisce, quando ti giri dall'altra parta quando qualcuno è in difficoltà, quando fai il dito in auto...
le regole e gli altri si rispettano così, non di certo facendo casino e urlando slogan per strada vestiti in maniera stravagante!!


Scusa, ma mi sono solamente limitato a citare tue affermazioni.
La regola fondamentale è una sola, rispettare gli altri, nel vero senso della parola-


#19 italico

    Expert

  • Veneto
  • 708 Pranešimai
  • City:Mel (BL) e Panevezys
  • Province:Panevėžio m. (Panevėžio)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 29 lapkričio 2010 - 21:30

riporto quanto scritto da un amico tempo fa in rete a riguardo dell'omosessualità in risposta ad una persona che chiedeva lumi sull'argomento e invito anche se lungo come articolo a leggerlo dall'inizio alla fine. Questa descrizione rappresenta appieno il mio pensiero ma questa persona ha a differenza mia, una straordinaria capacità di esprimersi con logica e bravura.L'avevo riportato anche nell'altro topic da me aperto ma forse non tutti l'hanno letto

sul "naturale" o meno ti rispondo che questa parola è stata convenzionalmente decisa dall'uomo e non definisce per niente il fatto. In concreto, ad esempio, possiamo dire che i terremoti e le malattie sono naturali, ma stenteremmo a giudicarle come cose positive. Al contrario, telefonini, computer, in quanto inventati dall'uomo, a rigor di logica dovrebbero essere innaturali, ma non le aborriamo, perchè migliorano la nostra vita quotidiana. Insomma, in natura esistono cose positive e negative; al di fuori della natura esistono cose positive e negative: quindi la presunta conformità o non conformità alla natura di un qualcosa non è un buon metro di giudizio per accettare o rifiutare quella cosa. Detto questo, passiamo nello specifico a considerare l'omosessualità e la sua origine. Le cause di questo comportamento non sono ancora certe al 100%, anche se quel che è certo è che non si tratta di una scelta (come non lo è il comportamento eterosessuale). Ci sono due principali correnti di pensiero, riassumibili in modo semplicistico con le espressioni "gay si nasce" e "gay si diventa". Nulla ovviamente ci dice che ci sia una sola causa per l'omosessualità, tecnicamente potrebbero agire in buona misura entrambe. Alcune cose che sappiamo di certo sono che l'omosessualità maschile e quella femminile (lesbismo) non sono tra loro correlate. Un fatto curioso è che tra i delfini esistono esemplari maschi omosessuali, mentre non ci sono femmine omosessuali. Allacciandomi a questo, posso dire, sempre a favore della "naturalezza" del fenomeno, che sì, ci sono animali gay, e sono anche tanti. (500 specie osservate li manifestano, ma potrebbero essere chissà quante di più). Gli animali omosessuali sono, in particolare, bisonti, scimmie, trichechi, uccelli e insetti vari, cetacei, elefanti, giraffe, iene, leoni, pecore e bovini. In molti casi non si tratta del semplice atto sessuale, ma della formazione di una coppia stabile. Esemplare in questo senso è la coppia di pinguini maschi che hanno "adottato" un cucciolo nello zoo tedesco di Bremerhaven1. Uno studio di Bruce Bagemihl2 ha documentato la percentuale di individui omo e bisessuali in alcune specie animali. Potete vedere i risultati nella tabella: ANIMALE Gabbiano australiano (Chroicocephalus novaehollandiae) fra le femmine Gabbiano comune (Chroicocephalus ridibundus) - fra ambedue i sessi Macaco giapponese (Macaca fuscata) - fra ambedue i sessi Bonobo (Pan paniscus), fra ambedue i sessi Cacatua pettorosa (Cacatua roseicapilla) OMOSESSUALI BISESSUALI ETEROSESSUALI 10% 22% 9% 0% 44% 11% 15% 56% 100% 11% 79% 63% 35% 0% 44%.
Tutte le differenze che ci sono tra gli esseri umani - dal colore degli occhi e dei capelli, alla lunghezza delle braccia, eccetera - esistono perché in origine c'è stata una mutazione genetica, che ha prodotto una variante di ciò che esisteva già. Le mutazioni sono casuali, e possono avere ogni sorta di effetto: da un nuovo colore degli occhi, ad una nuova specie, o una malformazione o malattia genetica (nel 90% dei casi le mutazioni sono negative) oppure all'omosessualità. L'essere gay è una devianza tanto quanto lo è l'avere gli occhi azzurri piuttosto che castani, l'origine è sempre la stessa: una mutazione.
Con questo voglio farvi capire che l'omosessualità non è intrinsecamente sbagliata, è e basta, e dobbiamo giudicare dai suoi effetti se sia positiva, negativa, o neutra. La persona omosessuale non vive di meno della persona eterosessuale, non contagia qualcuno, non uccide o nuoce a chicchessia, non è mediamente meno intelligente del resto della popolazione. Semplicemente, è attratta da persone dello stesso sesso. Penso quindi che si possa dire che è una mutazione neutra. Chiudendo la parentesi scientifica, la "neutralità" vi è anche dal punto di vista sociale. Le relazioni amorose e sessuali intraprese da un individuo rientrano nella sua sfera personale, e non hanno influenze positive o negative su nessuno. L'eterosessualità e l'omosessualità, riguardano persone consenzienti (salvo gli stupri che, comunque, riguardano singoli individui e non l'orientamento in sé) e dunque non abbiamo motivo di osteggiarle. Fatto interessante, sembra che coloro che osteggiano l'omosessualità (i cosiddetti omofobi) siano in buona parte gay repressi, che non accettano la loro condizione. Ebbene si, è proprio così. Con un questionario, dei ricercatori dell'Università della Georgia hanno diviso il campione di persone studiato in gruppo omofobo e gruppo non omofobo (la suddivisione era a loro insaputa). Hanno mostrato loro pornografia eterosessuale e, a tradimento, anche omosessuale. Risultato? Il 54% degli omofobi ha avuto un'erezione. È ora di smetterla con le discriminazioni, anche per queste persone che non si accettano e cominciano anche loro a discriminare i gay, in un circolo vizioso che non ha fine. Dobbiamo accettare che l'omosessualità è perfettamente naturale, non è un atteggiamento "intrinsecamente disordinato" come vuole farci credere la Chiesa Cattolica e nel momento in cui lo attacchiamo stiamo attaccando milioni di persone concrete, che hanno dei sentimenti e devono sopportare ogni sorta di scherno da parte della società.
A proposito di Chiesa Cattolica, noterete come ho totalmente ignorato Dio e una visione religiosa riguardo l’omosessualità. Questo perché ritengo che un libro scritto migliaia di anni fa non possa essere una buona base morale. Molte persone, però, la pensano diversamente, quindi mi accingo ad affrontare l’argomento anche da questo punto di vista. È un’opinione comune che nella Bibbia ci siano parole di ferma condanna all’omosessualità, e ad una lettura superficiale potrebbe sembrare così. L’interpretazione biblica non è univoca, e molti esegeti sono convinti che non ci sia una condanna all’omosessualità in sé. Per un’analisi più completa, potete leggere “Omosessualità e Bibbia” 18, di un gruppo Evangelico (Refo) Il primo passo biblico al riguardo è il Levitico, 18:22 e 20:13. Dice: “Non avrai con maschio relazioni come si hanno con donna: è abominio. Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due hanno commesso un abominio; dovranno essere messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro.” Andando avanti nel Levitico notiamo che non sono solo i gay ad essere “abominevoli”, ma anche crostacei, vari volatili, insetti, animali striscianti, eccetera. I motivi dei divieti sono molto semplici e vanno contestualizzati all’epoca in cui furono scritti: crostacei e molluschi non trattati, ad esempio, avrebbero potuto portare ad infezioni. Gli abomini sono tali in virtù di norme sanitarie ed igieniche, e lo stesso vale per i rapporti omosessuali, che potevano causare malattie infettive. Dio non odia in sé l’omosessualità, come non odia gli animali sopra citati, ma intendeva proteggere il popolo ebraico. Prova di questa tesi è il fatto che oggi gli ebrei considerano lecito il rapporto omosessuale, consapevoli che non c’è più la necessità sociale di rispettare i precetti del Levitico. In Genesi 19:7-25 abbiamo la famosa distruzione di Sodoma e Gomorra. Molti pensano che Dio abbia distrutto i due paesi per i comportamenti omosessuali degli abitanti. La storia dice che Dio manda due angeli da Lot, e i paesani ne abusano. Parecchi interpreti biblici contemporanei però non sono d’accordo sul motivo della punizione divina: il crimine sarebbe stato la mancanza di ospitalità verso gli angeli, non l’omosessualità. Successivamente, nella Bibbia, abbiamo vari episodi “sessualmente spiacevoli”, come Lot che commette incesto con le figlie (Genesi 19:30-38). Dio però non distrugge il loro paese. Quando, più avanti nella Bibbia, vengono citate Sodoma E Gomorra, come nel capitolo 16 di Ezechiele, si fa riferimento all’ingiustizia e all’idolatria, non all’omosessualità. Nel Nuovo Testamento abbiamo alcuni riferimenti, tutti di S.Paolo. Due, molto simili, sono 1Timoteo 1:9-10 e 1Corinzi 6:9-10. Questi fanno una lista di coloro che non erediteranno il regno di Dio, tra cui iniqui, ribelli,empi, peccatori, sacrileghi, irreligiosi, omicidi, fornicatori, sodomiti, mercanti di schiavi, bugiardi e spergiuri. In entrambi i versetti, la parola greca usata per “sodomiti” è Arsenokoites, che non sta ad indicare gli omosessuali (la parola che al tempo li indicava era Paiderastes, e non compare in nessun versetto del NT). Nessuno sa con precisione cosa significhi “Arsenokoites”, in quanto Paolo fu il primo ad usare tale parola: un vero e proprio neologismo. Sappiamo comunque che si tratta dell’unione di Arseno (Uomo) e Koites (Letto) e significa letteralmente “maschio che giace a letto”. Non pochi commentatori vi hanno visto un riferimento ai Prostituti Sacri dei Templi Pagani, che mercificavano il loro corpo in onore alle loro Divinità Patrone e citati perfino nella Bibbia (1Re 14:24;15:12;22:47;2Re23:7), con nessun riferimento ad una loro etero od omosessualità.
D’altra parte, se San Paolo avesse voluto essere chiaro, avrebbe dovuto utilizzare la parola Paiderastes, ma non l’ha fatto. Gli ultimi versetti da esaminare, sempre di S.Paolo, sono nella Lettera ai Romani, 1:26. L’unico passo biblico in cui sembra esserci, ad una prima analisi, un riferimento al lesbismo. Il passo dice: “Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento.”

Qui la traduzione è completamente sbagliata, parla di donne eterosessuali che assumono un ruolo dominante nel rapporto con l’uomo. Per quanto riguarda il passo successivo, sugli atto ignominiosi uomini con uomini, è una sorta di punizione dell’essere pagani (il traviamento è riferito all’idolatria, la punizione sono gli atti). E anche qui bisogna guardare il contesto dell’epoca, in cui la prostituzione maschile e la pederastia erano molto comuni, e il passo potrebbe essere riferito a queste situazioni, non all’omosessualità in sé. Nonostante queste interpretazioni, la Chiesa Cattolica ritiene l’omosessualità uno dei “quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio”. Se fosse così, perché Gesù non ha mai speso una sola parola di condanna verso l’omosessualità? Recentemente, il Papa ha affermato che “esiste una verità oggettiva e immutabile la cui origine è in Dio, accessibile alla ragione umana e che riguarda l’agire pratico e sociale. Si tratta di un diritto naturale al quale le leggi umane e le autorità politiche e religiose devono ispirarsi, affinché possano promuovere il bene comune” C'è molto da ridire su questa affermazione: 1) "una verità oggettiva e immutabile la cui origine è in Dio". Questa affermazione si basa comunque sulla fede cattolica. La fede è il credere in qualcosa senza averlo visto, senza averne le prove (per questo ci sono così tante religioni al mondo). Quindi questa verità non è oggettiva. Ci si può credere come si può non crederci. 2) Dio, nella Bibbia, lascia alle persone il libero arbitrio, dando loro la responsabilità delle azioni che commettono. 3) Ci sono persone che non sono cattoliche e vorrebbero solo sposarsi con altre persone, dello stesso sesso, che amano. Ora, in base a questo, la Chiesa può prendere due posizioni: A) Lascia al non cattolico gay di sposarsi con chi vuole, in comune (giustamente, se la Chiesa non approva il matrimonio omosessuale, i suoi sacramenti li amministra come ritiene opportuno), consapevole che concretamente non fanno male in alcun modo, la loro vita sentimentale non è affare di qualcun altro; Dio ha lasciato loro il libero arbitrio, quindi gli fanno fare quello che vogliono, poi ci penserà lui a mandarli all'inferno o a fare quello che deve fare; non la Chiesa sulla terra, perché, come detto prima, la loro è una fede e non possono dimostrare che sia vera. :) Convinti dell'infallibilità della loro fede, decidono di sostituirsi al giudizio divino e impedire, su questa terra, a delle persone di vivere la loro vita come più ritengono opportuno. Persone adulte e consenzienti che non fanno del male a nessuno, vi ricordo. Perché allora scelgono la B, e i cattolici non sono schifati da questo atteggiamento? Molti lo sono, grazie al cielo. Ma molti altri, invece, sono sinceramente convinti che "X non mi piace; X non deve esistere" Lo stesso discorso si può applicare all'eutanasia: una persona che ormai ha finito di vivere, è costretta su un letto, e aveva confermato prima dell'incidente/malattia, che in tale eventualità, e se fosse irreversibile, avrebbe voluto che fosse staccata la spina. E invece no, "la vita è sacra" e quindi nascono gruppi osceni come "Amici di Eluana" che si sono attivamente impegnati nell'andare contro la volontà dell'amica Eluana. Idem per l'aborto, nonostante scientificamente l'embrione non soffra più dello schiacciare un girino, perché non è ancora neanche umano.

Avete notato come i religiosi tendano sempre a difendere la sacralità della vita di persone non ancora nate o già morte da tempo, mentre siano totalmente indifferenti a quelle vive e vegete? Molti sono favorevoli alla pena di morte, ad esempio. Magari basterebbe ricordare al signor cristiano che una volta il condannato a morte era un embrione, magari risvegliamo la sua coscienza e vorrà salvarlo dall'esecuzione. Allo stesso modo, forse dovremmo ricordare ai cristiani che gli omosessuali sono persone come tutte le altre, e non c’è nessun motivo razionale per discriminarle e conferire loro meno diritti di tutti gli altri. Come abbiamo visto, il concetto stesso di “contro natura” è fuorviante. Nietzsche aveva ben compreso questo meccanismo. Chiuderò con una sua citazione, presa dal Cap.9 di “Al di là del bene e del male”: Volete vivere secondo natura? O nobili stoici, che inganno verbale! Immaginatevi un essere come la natura, dissipatrice senza misura, indifferente senza misura, senza intenzioni e senza riguardi, senza pietà e giustizia, fertile e deserta e incerta al contempo, immaginatevi l’indifferenza stessa fatta potere: come potreste vivere secondo tale indifferenza? Vivere non è appunto un voler-esser-altro da quel che è questa natura? Vivere non è forse preferire, valutare, essere ingiusti, essere limitati, voler essere diversi? E posto che il vostro imperativo “vivere secondo natura” in fondo significhi “vivere secondo la vita”, come potreste non farlo? A che scopo trasformare in principio ciò che voi stessi siete e dovete essere? In verità le cose stanno molto diversamente: mentre voi fate credere rapiti di leggere il canone della vostra legge nella natura, volete qualcosa di opposto, voi curiosi commedianti e ingannatori di voi stessi! Il vostro orgoglio vuole prescrivere e incarnare nella natura, persino nella natura, la vostra morale, il vostro ideale, pretendete che essa sia natura “conforme alla Stoa” e vorreste far esistere ogni esistenza secondo la vostra propria immagine, come mostruosa, eterna glorificazione e generalizzazione dello stoicismo!


#20 Fabius

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.150 Pranešimai
  • City:Torino
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 30 lapkričio 2010 - 01:06

scusate ma si è un po' perso il filo del discorso... l'oggetto non era se il popolo lituano è intollerante o discriminatorio, ne' se il parlamento lituano è pieno di omofobi, o tanto meno se c'è o non c'è imparzialità relativamente agli occupanti il Colosseo o S Marco. Trovo sempre singolare che quando si evidenzia un problema, qualcuno sente imporvvisamente il bisogno di parlare di altro, di mettere in dubbio l'imparzialità, di vedere nella denuncia di UN fatto, una sorta di accusa generalizata ad un popolo o paese che deve subito essere pareggiata. Non per nulla come "sottotitrolo" avevo scritto "paese che vai... omofobia che trovi", palesemente sottolinenando due cose:
1 - il fenomeno non è esclusivamente lituano
2 - l'atto, il fenomeno è omofobico, non il popolo (altrimenti avrei scritto "omofobi che trovi")

Sottolineo l'ultrimo punto... tranne pochi casi nella mia vita, non ho mai conosciuto persone graniticamente in un modo o in un altro (intelligenti, stupidi, omofobi, liberali, conservatori etc.) ma solo persone che a volte operano atti di detreminata natura. Per essere chiari... non credo che il popolo lituano sia omofobo ne' che il parlamento lituano sia dominato da omofobi, ma solo che in questo caso c'è in campo un disegno di legge dal carattere omofobo... è un po' come quando diciamo che tizio ha fatto una idiozia... non diciamo che è un idiota tout court, ma che in un particolare caso gli è capitato di fare un'idiozia o si è comportato da idiota.

Mancando di fare questa semplice considerazione, si finisce per non poter ciontestare nessun atto considerato sbagliato, perché ogni volta si corre il rischio di passare per l'autore di una contestazione generale o perchè qualcuno si pone dei dubbi sull'imparzialità.

Riguardo poi all'imparzialità... non vedo cosa diavolo centri ora S. Marco e il Colosseo, ma forse sarà utile ricordare, a chi invece crede che sia rilevante con il topic in oggetto, che Amnesty è stata l'unica organizzazione politicamente non schierata in Italia a denunciare come repressione della libertà di espressione l'ipotesi di incriminare alcuni noti leaders della lega per vilipendio alla bandiera