Peršokti prie turinio


Perché tanti italiani sono mammoni?


62 atsakymai šioje temoje

#41 simone86

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.022 Pranešimai
  • City:Gattinara
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 21 liepos 2007 - 15:03

per girar attorno l'argomento intendevo soffermarsi sui vari "si siamo mammoni...gli italiani fan così e colà...i miei amici stranieri fan invece colà e così.." e così via senza provar a dare una risposta, diretta o più complessa, alla questione: le cause :laugh:
comunque penso che si faccia più riferimento ai maschi italiani proprio perchè "maschi" (riprendiam la battuta del mitico Verdone "MASCHIO!" :laugh: ); ci si aspetta un minor legame ed una maggior propensione a far valigia ed andarsene via dal loculo di famiglia.
Piccolo appunto su società anglosassoni e Chiesa di Roma: il forte individualismo di quelle società comporta però anche diverse brutture, quindi meglio specificare che la soluzione al mammonismo non è l'affermazione individuale (lo so che non lo pensavi Fabius, ma è sempre meglio sottolineare :laugh: ); secondo me il peso dato alla famiglia in Italia è principalmente dovuto alla spinta conservatrice che da sempre la Chiesa romana ha dato al nostro paese. Lo stessa forza conservatrice si ritrova nella tradizione, più che la religione, islamica. Quindi non credo sia propriamente questione di religioni in senso stretto

Industrializzazione? bhe si può esser un fattore determinante alla formazione di società meno centrate sui valori familiari. Però credo che fosse ben più importante nei secoli precedenti perchè il lavoro comportava spesso l'allontanamento dalla famiglia; ora si posson anche svolger mansioni importanti senza muoversi molto da casa :laugh:


#42 Fabius

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.150 Pranešimai
  • City:Torino
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 21 liepos 2007 - 17:40

Rodyti pranešimąsimone86, Jul 21 2007, 14:03, pasakė:

Piccolo appunto su società anglosassoni e Chiesa di Roma: il forte individualismo di quelle società comporta però anche diverse brutture, quindi meglio specificare che la soluzione al mammonismo non è l'affermazione individuale (lo so che non lo pensavi Fabius, ma è sempre meglio sottolineare :laugh: ); secondo me il peso dato alla famiglia in Italia è principalmente dovuto alla spinta conservatrice che da sempre la Chiesa romana ha dato al nostro paese. Lo stessa forza conservatrice si ritrova nella tradizione, più che la religione, islamica. Quindi non credo sia propriamente questione di religioni in senso stretto

infatti se ti ricordi avevo in un precedente post detto che spesso gli americani sottolineano i nostri vantaggi nella gestione della famiglia..
In ogni cosa ci sono pro è contro... la "società perfetta" ovunque essa sia, è quella che dovrebbe trovare la corretta compensazione tra l'affermazione individuale e il senso di appartenenza ad un gruppo/famiglia... e tale compensazione non può essere assoluta, ma duttile perchè dipende dalla esigenze storiche che si affermano con il passare del tempo in una società.
L'affermazione dell'individuale non è una brutta cosa... è una tendenza naturale... al limite è l'individualismo, che è la degenerazione di tale tendenza ad essere una brutta cosa.

Un appunto un po' off-topic: la spinta conservatrice si trova più nella religione che nella tradizione islamica, non come dici :laugh: :laugh: e questo per il semplice fatto che l'Islaam è una religione "rivelata" e non ispirata e quindi l'interpretazione evolutiva è profondamente limitata... molto più limitata che nel cristianesimo, che è religione "ispirata" e non rivelata... oltre ovviamente alla spinta della precedente esperienza storica con cui il cristianesimo ha dovuto fare i conto molto più di quanto ne abbia dovuto fare i conti l'Islaam..


Citata

Industrializzazione? bhe si può esser un fattore determinante alla formazione di società meno centrate sui valori familiari. Però credo che fosse ben più importante nei secoli precedenti perchè il lavoro comportava spesso l'allontanamento dalla famiglia; ora si posson anche svolger mansioni importanti senza muoversi molto da casa :laugh:


infatti quella è la società post-industriale :woohoo: :woohoo:


#43 simone86

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.022 Pranešimai
  • City:Gattinara
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 21 liepos 2007 - 18:48

Rodyti pranešimąFabius, Jul 21 2007, 08:40, pasakė:

Un appunto un po' off-topic: la spinta conservatrice si trova più nella religione che nella tradizione islamica, non come dici :laugh: :laugh: e questo per il semplice fatto che l'Islaam è una religione "rivelata" e non ispirata e quindi l'interpretazione evolutiva è profondamente limitata... molto più limitata che nel cristianesimo, che è religione "ispirata" e non rivelata... oltre ovviamente alla spinta della precedente esperienza storica con cui il cristianesimo ha dovuto fare i conto molto più di quanto ne abbia dovuto fare i conti l'Islaam..

Il fatto è che ero rimasto colpito proprio dall'importanza che i musulmani danno alla tradizione, rispetto a fedeli di altra appartenenza religiosa. Mi pare essa sia il secondo punto di riferimento dopo il Corano. Però sono conoscenze assorbite ai tempi del liceo che ora appaiono sfumate...magari dovrei andare a rileggermi un po' di cosette :laugh:
Comunque la tua spiegazione mi pare coerente, e se così fosse in effetti è più questione di religione che di tradizioni culturali delle società.


#44 Fabius

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.150 Pranešimai
  • City:Torino
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 21 liepos 2007 - 21:10

Rodyti pranešimąsimone86, Jul 21 2007, 17:48, pasakė:

Il fatto è che ero rimasto colpito proprio dall'importanza che i musulmani danno alla tradizione, rispetto a fedeli di altra appartenenza religiosa. Mi pare essa sia il secondo punto di riferimento dopo il Corano. Però sono conoscenze assorbite ai tempi del liceo che ora appaiono sfumate...magari dovrei andare a rileggermi un po' di cosette :laugh:
Comunque la tua spiegazione mi pare coerente, e se così fosse in effetti è più questione di religione che di tradizioni culturali delle società.

avrei voglia di proseguire questo argomento, ma... :laugh:

ovviamente sono pronto se qualcuno desidera a proseguire in privato


#45 Vito61

    Vito61

  • Lombardia
  • 3.258 Pranešimai
  • City:Molfetta-Brescia
  • Province:Brescia (Lombardia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 21 liepos 2007 - 23:47

Certo sono la persona meno indicata a fornire risposte che possano essere esplicative di un fenomeno complesso e dinamico come il mammismo. Io infatti sono uscito di casa già a 18 anni e da allora dai miei ci torno 25/30 giorni all'anno. Voglio però, sulla base dell'esperienza dei miei suoceri e di diversi conoscenti, fornire nuovi spunti per la discussione. Gli anni 60 (come i decenni precedenti verso le terre d'oltre oceano)si emigrava dal e verso il Nord (Piemonte e Lombardia in primis) in massa,nonni compresi. Paura della solitudine, paura di perdere le proprie radici, la famiglia come sicuro rifugio,chi lo sa.Gli anni 80 sono stati anni di forte migrazione interna (solito S vs N), ma questa volta si viaggiava prevalentemente soli (addio famiglia, altro che mammina), a lavorare in Azienda, o al + a fare lo statale. Certo per molti le prospettive erano diverse, comunque si stava lontani da casa x mesi. Oggi il fenomeno si caratterizza per le implicazioni sociali ed economiche. Scolarizzazione abbastanza elevata(specie al S), lavoro part time, euro e costo della vita(parlo degli affitti o se volete dell'acquisto della 1a casa) hanno scoraggiato molti giovani ad uscire fuori di casa(ma questo accade anche in Lituania). Consideriamo anche un'altro aspetto non secondariio, le interazioni guadagni/benefici di un nucleo famigliare in cui vive/vivono ragazzi ormai adulti. Infine ci sono casi in cui, per una inconscia fragilità personale, si preferisce restare nel caldo "guscio" genitoriale (gli psicologi si fregano le mani). Comunque se tutti sono felici e contenti di restare in quella situazione, evviva, fatti loro! Del resto mi sento di sottoscrivere quanto detto da tutti voi, anche se propendo per un mix di cause endogene(genitori con figli disoccupati lavorano più a lungo in attesa di una occupazione certa dei figli) altruistiche(i figli restano di più in casa per non dare un accidente alle proprie mamme) ed economiche.
Poi scopri che sono i genitori i primi ad essere felici in queste situazioni.
p.s. Cazpita, da questo momento sono Expert. Portate rispetto per gli anziani, neh!!


#46 Fabius

    ItaLietuver

  • Piemonte
  • 1.150 Pranešimai
  • City:Torino
  • Province:Torino (Piemonte)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 12:50

Rodyti pranešimąVito61, Jul 21 2007, 22:47, pasakė:

p.s. Cazpita, da questo momento sono Expert. Portate rispetto per gli anziani, neh!!

bacio le mani, Don Vito :laugh: :laugh: :laugh:


#47 Byrof

    Newbie

  • Vilniaus
  • 12 Pranešimai
  • City:Vilnius
  • Province:Vilniaus m. (Vilniaus)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 17:01

Rodyti pranešimąsopranoLT, Jul 20 2007, 14:05, pasakė:

Questo è un'argomento che mi tormenta da tanto tempo. Durante la mia permanenza in Italia ho visto tanti ma tanti casi di un mammonismo esagerato, e di gente che non si vergognava di esserlo. Vedevo gli uomini sopra i trent'anni, che raccontava tranqullamente di cose che gli facevano le mamme, che in Lituania anche un bambino di 12 anni si sarebbe vergognato.
Nel corso del topic spero di raccontarne di più, ma adesso racconto di un caso che sembra un aneddoto, invece è un caso vero.
Una mia amica chede al suo ragazzo, a che ora si sveglia per andare al lavoro. Lui le risponde."mezzora prima di cominciare a lavorare". Lei si meraviglia come è possibile? E lui le risponde: "E semplice: I miei genitori si svegliano prima di me. Così io trovo la caffetiera gia con il caffe pronto, i vestiti preparati, e mio papà mi porta la macchina dal garage. Così io mangio in 5 min e parto".
Vi sembra normale una cosa dal genere? finale della storia: stanno insieme da parrecchi anni, lui non vuole prendersi alcun tipo di impegno. Lei addirittra si è trasferita al sud dai suoi genitori, per dare una svolta alla loro storia. Ma lui niente: continuano avere una storia senza alcuna responsabilità a distanza.
Forse non servono le spiegazioni perché...Chi puo voler scambiare il suo paradiso mammonistico, con la vera vita che comporta le difficoltà.
E così, a parte i casi estremi come questo, rispondetemi:perché gli italiani sono mammoni?


Buongiorno, e ottima domanda.

E‘ indiscutibile che la famiglia abbia da sempre un ruolo rilevante e di supporto in Italia.
Ma perchè allora i mammoni sono comparsi solo recentemente? Sono forse venuti dallo spazio a colonizzarci??
Innanzitutto daterei la loro comparsa a partire dagli anni 75/80 in avanti. Sembrerebbe infatti che le signorine del periodo del “tutto è concesso”, quando si è trattato di diventare madri (e dopo aver sperimentato appunto “tutto”), abbiano gentilmente e non a caso deciso di essere iperprotettive verso i propri figlioli. Aggiungiamoci il fatto che chi ha dai 35 anni in giù ha probabilmente vissuto in famiglie da cui ha avuto tutto senza grandi sforzi, in anni in cui non vi sono state rilevanti rivoluzioni culturali (diciamo pure carenza di ideali).

Sia o no andata così, vorrei spostare la vostra attenzione sul prodotto che ci troviamo davanti agli occhi e sulle sue implicazioni pratiche:

Il mammone si culla nella convinzione che dipendere da altri sia comodo (spesso si ritiene persino furbo) ed ai fini pratici e per un limitato periodo di tempo può anche esserlo, ma mi permetto di fargli notare che ha già rinunciato a parte della propria dignità di persona e sicuramente a gran parte della capacità di essere indipendente in futuro.
Quindi, se avete 30 anni e vostra madre vi tratta come un bambino forse è perchè ancora lo siete; se nessuno vi prende sul serio forse di serio non avete niente; o se lasciate la casa dei genitori per trovare una mamma più giovane che possibilmente presti anche qualche altro servigio….. beh, ci siamo capiti.
Anche nel caso in cui vostro marito continui ad ascoltare le sigle delle pubblicità e dei cartoni animati dei tempi che furono, o se trovaste dei manga nascosti nel bagno di casa, non fingetevi stupite, tanto già l’avevate immaginato il motivo per cui vi ha sposate.

Vi dico cosa mi sembra di vedere, e onestamente vorrei che fosse un’allucinazione:

Vedo uomini costretti a mascherare la propria insicurezza, perennemente protesi nel tentativo di mostrare che sono, sanno, possono; persone che si sono negate la possibilità di crescere e che non hanno mai imparato ad arrangiarsi e ad essere indipendenti, portate inevitabilmente ed inesorabilmente dalla vita verso la durissima resa dei conti.

Uomini sempre più eleganti, curati più di quanto si curi una donna, allenati a cercare di essere simpatici, belli e forti, attentissimi al particolare sperando che lei li noti.

Eh, sì… perché è proprio lei, la donna, che rispetto all’uomo si sa più o meno arrangiare, cura la contabilità domestica e non solo, i figli, magari lavora anche.

A differenza dei mammoni sa cosa vuole, li vede nei locali quando si preparano ad arrivare, vestiti tutti uguali con i loro soliti discorsi già pronti e con lo stesso usurato sorriso stampato in faccia, chiaro a tutti cosa vogliono. Nel migliore dei casi li liquida con un secco “no, grazie”.

Ripenso a quando in Italia esco la sera e mi capita di fare due parole con una ragazza, noto subito che mi sta letteralmente passando ai raggi X (alcuni preferiscono dire che “se la tira”), e ne ha secondo me tute le ragioni; poi, se è mediamente carina, sento già premere qualcuno da dietro: è la coda di uomini che si sta formando, ognuno dei quali non aspetta altro che me ne vada il più presto possibile. Capisco dal suo sguardo e da come si muove che è convinta di essere in posizione di forza. Non le do torto, visto che c’è qualcuno che quotidianamente glielo fa credere.

Vedo la donna più determinata, più vigile, ma anche lei paga un prezzo molto alto: questa barriera che deve porre contro tutto e tutti, questa lotta continua le fa perdere gran parte della sua femminilità. Sicuramente ciò non aiuta i mammoni, ed è per questo che la mamma rimane pur sempre la mamma…

Ecco cosa vedo quando guardo l’Italia di oggi: un uomo che perde colpi, costretto a inseguire e a diventare più donna ed una donna che diventa più forte ma al contempo più mascolina.

Che sia questo che ci aspetta, lo scambio dei ruoli??

Saluti


#48 sopranoLT

    Newbie

  • Lombardia
  • 23 Pranešimai
  • City:Mantova
  • Province:Mantova (Lombardia)
  • Gender:Female
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 17:09

Citata

Sono d'accordo con Sig. :laugh: Anche essendo lituana non capisco perché ragazzo (spesso già uomo) dovrebbe lasciare tutta la comodità e attenzione e andare a vivere da solo, se non pensa di creare una famiglia sua, o non deve andarsene per motivi di studi/lavoro? Non vedo nessun piacere di tornare a casa vuota, farsi da mangiare solo per se, svegliarsi da solo e non avere nessuno a cui dare il buongiorno la mattina...
Il problema c'è solo quando ragazzo è felice di stare a casa, ma i genitori non molto o vice vera. Se tutti sono contenti e comodi, perché si dovrebbe cambiare qualcosa?


Vorrei precisare una cosa molto importante. Forse non ho chiarito bene fin dall'inizio il concetto mammone (a)
Una persona che vive con i genitori, non è neccessariamente mammone. Anzi, non ci vedo assolutamente niente di male. Essere mammoni per me vuol dire essere le persone immature, servite e riverite dai genitori che non hanno nessun dovere in casa. E non ditemi che una persona di 30 o anche meno anni non è in grado di lavare i piatti, rifarsi il letto e fare almeno le piccole collaborazioni in casa? E normale che una persona (la magior parte gli uomini, ma anche certe donne) si rende totalmente incapace a lavarsi i propri vestiti, prendersi cura di vicende domestiche etc. A parte le questioni domestiche anche essere viziati, egoisti ed essere incapaci di prendere qualsiasi decisione senza il parere della mamma per me vuol dire mammonismo.
E la mia domanda : Come influenza il mammonismo la vita familiare? era rivolta prorio a quello. Pensate che la persona che nella sua vita non ha mai avuto i doveri (a parte lavorare, magari) poi sia capace a prendersi cura di se stessa. Anche mettendocela tutta fa molta fatica. E poi indovinate un pò chi prende il ruolo dei genitori?
Vedetela anche come un pregiudizio, ma a me non sembra proprio giusto, che nella famiglia dove lavorano tutti
due la moglie insieme al suo lavoro e ai bambini, deve poi occuparsi anche di un ex mammone che è totalmente incapace o non ne ha voglia di fare qualsiasi collaborazione?Non solo collaborazione domestica, ma anche essere partecipe nell'educazione dei figli e tante altre cose che comportano la responsabilità.
Nel mio lavoro comunico spesso con i genitori dei bambini e credetemi, ne ho viste tantissime di famiglie così.


#49 Sigmundflower

    Sigmundflower

  • Puglia
  • 8.651 Pranešimai
  • City:Brindisi
  • Province:Brindisi (Puglia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 17:55

Rodyti pranešimąByrof, Jul 22 2007, 16:01, pasakė:

Buongiorno, e ottima domanda.

E‘ indiscutibile che la famiglia abbia da sempre un ruolo rilevante e di supporto in Italia.
Ma perchè allora i mammoni sono comparsi solo recentemente? Sono forse venuti dallo spazio a colonizzarci??
Innanzitutto daterei la loro comparsa a partire dagli anni 75/80 in avanti. Sembrerebbe infatti che le signorine del periodo del “tutto è concesso”, quando si è trattato di diventare madri (e dopo aver sperimentato appunto “tutto”), abbiano gentilmente e non a caso deciso di essere iperprotettive verso i propri figlioli. Aggiungiamoci il fatto che chi ha dai 35 anni in giù ha probabilmente vissuto in famiglie da cui ha avuto tutto senza grandi sforzi, in anni in cui non vi sono state rilevanti rivoluzioni culturali (diciamo pure carenza di ideali).


Ecco cosa vedo quando guardo l’Italia di oggi: un uomo che perde colpi, costretto a inseguire e a diventare più donna ed una donna che diventa più forte ma al contempo più mascolina.

Che sia questo che ci aspetta, lo scambio dei ruoli??

Saluti

quoto solo una parte del post di Byrof solo perchè è molto lungo:)
Dal mio punto di vista, e cioè di mammone (per lo meno qualcuno mi potrebbe definire così) e da un'analisi di quello che io ho visto dai tempi dell'università sino ad oggi, posso affermare che il "mammone" non è uno stereotipo ne un prototipo :laugh: :woohoo:
Si rischia di generalizzare aspetti, cause e effetti che hanno origini e conclusioni diverse.
Premettendo che mi limito a parlare della situazione tipica del sud Italia, dove abitudini e tradizioni socio culturali differiscono in parte con il resto della nostra penisola.
Si trova il mammone di "buona famiglia" ed il mammone di "famiglia modesta"..in entrambi i casi si parla di "figli" che vengono "gestiti" da madri eccessivamente premurose che nella vita hanno avuto solo la "libertà" o "capacità" di potersi dedicare alla famiglia e principalmente al figlio..dicono sempre che è ora di trovarsi una buona moglie ma non dormono se il figlio esce con una ragazza nuova :woohoo: :woohoo: :laugh:
Anche le mamme sessantottine si comportano in questa maniera ..tendenzialmente sono quelle che dicono:"figlio mio divertiti...e ricordati che le donne sono tutto p*****e, e se te lo dice tua madre, credici"
Durante il periodo universitario di questi tipi di "mammoni" ne ho visti parecchi...molti incapaci di provvedere a se stessi anche per una semplice settimana..sempre bisognosi di rientrare nei week end per essere coccolati.
Ma ho visto anche ragazzi che gestiscono tutto perfettamente...capaci di gestirsi la vita da soli...ma alla fine preferiscono stare in casa solo per praticità,per economia e perchè oltre ad essere comodo rientra in un discorso di budget.
Quando Byrof dice che il mammone non viene preso seriamente si sbaglia..ci sono mammoni che avendo le spalle coperte da genitori e soldi , nella vita raggiungono spesso posizioni di riguardo, per cui non la metterei su questo piano, li vedi in pubblico sempre da soli..e la madre che si rinchiude in casa per preparare e stirare.
Sicuramente è eccessivamente generalizzata l'analisi sulle donne che viene sempre fatta da Byrof.
Anche qui posso dire che dimentichiamo che esistono le mammonE..quelle che sono state cresciuto delle loro madri..e dai loro padri con l'idea che sono le più belle e le più intelligenti, incapaci , più degli uomini, a cucinare lavare e provvedere a se stesse...la differenze che loro andrebbero subito a vivere con un uomo...l'importante che ci sia la donna delle pulizie e che non debba fare la sguattera del marito perchè oramai c'è la parità:laugh:..cresciute come i maschi con l'idea , inculcata dalla famiglia, che lui o lei meritano di più :laugh:
Io di donne in gamba ne ho conosciute..e mi posso tranquillamente permettere di dire che sono le più simpatiche, estroverse e dinamiche...e non hanno bisogno di guardare con distacco un uomo perchè loro sanno veramente quello che vogliono e quello che hanno..e non hanno bisogno di scansionare nessuno :laugh: :laugh: :laugh: come fanno le altre.
Concordo sul fatto che , comunque, c'è un'inversione di tendenza..e che l'uomo italiano diventa più debole mentre la donna più aggressiva..con la risultante di vedere gli uomini scappare verso altri paesi per cercare una moglie più dolce mentre le donne italiane verso altri paesi...in cerca di uomini che le trattino da "femmine"....ma discuterne , non sarebbe meglio :laugh: :laugh: :laugh: :laugh:?


Rodyti pranešimąsopranoLT, Jul 22 2007, 16:09, pasakė:

Sono d'accordo con Sig. :laugh: Anche essendo lituana non capisco perché ragazzo (spesso già uomo) dovrebbe lasciare tutta la comodità e attenzione e andare a vivere da solo, se non pensa di creare una famiglia sua, o non deve andarsene per motivi di studi/lavoro? Non vedo nessun piacere di tornare a casa vuota, farsi da mangiare solo per se, svegliarsi da solo e non avere nessuno a cui dare il buongiorno la mattina...
Il problema c'è solo quando ragazzo è felice di stare a casa, ma i genitori non molto o vice vera. Se tutti sono contenti e comodi, perché si dovrebbe cambiare qualcosa?
Vorrei precisare una cosa molto importante. Forse non ho chiarito bene fin dall'inizio il concetto mammone (a)
Una persona che vive con i genitori, non è neccessariamente mammone. Anzi, non ci vedo assolutamente niente di male. Essere mammoni per me vuol dire essere le persone immature, servite e riverite dai genitori che non hanno nessun dovere in casa. E non ditemi che una persona di 30 o anche meno anni non è in grado di lavare i piatti, rifarsi il letto e fare almeno le piccole collaborazioni in casa? E normale che una persona (la magior parte gli uomini, ma anche certe donne) si rende totalmente incapace a lavarsi i propri vestiti, prendersi cura di vicende domestiche etc. A parte le questioni domestiche anche essere viziati, egoisti ed essere incapaci di prendere qualsiasi decisione senza il parere della mamma per me vuol dire mammonismo.
E la mia domanda : Come influenza il mammonismo la vita familiare? era rivolta prorio a quello. Pensate che la persona che nella sua vita non ha mai avuto i doveri (a parte lavorare, magari) poi sia capace a prendersi cura di se stessa. Anche mettendocela tutta fa molta fatica. E poi indovinate un pò chi prende il ruolo dei genitori?
Vedetela anche come un pregiudizio, ma a me non sembra proprio giusto, che nella famiglia dove lavorano tutti
due la moglie insieme al suo lavoro e ai bambini, deve poi occuparsi anche di un ex mammone che è totalmente incapace o non ne ha voglia di fare qualsiasi collaborazione?Non solo collaborazione domestica, ma anche essere partecipe nell'educazione dei figli e tante altre cose che comportano la responsabilità.
Nel mio lavoro comunico spesso con i genitori dei bambini e credetemi, ne ho viste tantissime di famiglie così.

Bene, il discorso, quindi, non è il perchè del mammonismo..ma cosa causa nell'eventuale famiglia di destinazone :woohoo: :woohoo: :woohoo:
Io sono sempre stato dell'idea che il militare aiutasse in un certo qual modo a far distaccare un figlio dalla "mamma"..oggi credo che finita la scuola dell'obbligo..ragazzi e ragazze, per lo meno in Italia, dovrebbero fare servizio civile per 6 mesi...lontani da casa ed in strutture come centri di recuperio ed assistenza per anziani.
io ho fatto il servizio di leva...ma ho notato con piacere che alcuni miei cari amici, optando per il servizio civile, hanno avuto la possibilità(e parlo di mammoni) di fare esperienze che hanno aperto gli occhi e messo in condizione di dover fare cose mai fatte prima( e non parlo del semplice cucinare e lavare), alcuni di loro si sono pienamente riscattati.


#50 Original Is Always Best

    Nepiktybine Ozka

  • Members
  • AkisAkisAkisAkisAkis
  • 3.001 Pranešimai
  • City:Hudds
  • Province:-- OTHER --
  • Gender:Female
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 18:27

Concordo con Soprano x quello chi e un vero mammone. Conosco uno che ha 38anni e vive ancora con i genitori. Sua mamma gli ordina la sua camera, lava i suoi vestiti, fa da mangiare.. Poi quando sua sorella doveva trasferirsi da un appartamento ad un altro lui non poteva aiutare xche stava male!! Capisco benissimo xche lui non e ancora sposato. Xche ogni intelligente donna capisce che questo sarebbe non sposare un uomo ma addotare un bambino! :laugh: questo era solo un esempio di un ver mammone :laugh:


#51 Sigmundflower

    Sigmundflower

  • Puglia
  • 8.651 Pranešimai
  • City:Brindisi
  • Province:Brindisi (Puglia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 18:30

Rodyti pranešimąght911, Jul 22 2007, 17:27, pasakė:

Concordo con Soprano x quello chi e un vero mammone. Conosco uno che ha 38anni e vive ancora con i genitori. Sua mamma gli ordina la sua camera, lava i suoi vestiti, fa da mangiare.. Poi quando sua sorella doveva trasferirsi da un appartamento ad un altro lui non poteva aiutare xche stava male!! Capisco benissimo xche lui non e ancora sposato. Xche ogni intelligente donna capisce che questo sarebbe non sposare un uomo ma addotare un bambino! :woohoo: questo era solo un esempio di un ver mammone :laugh:

che curiosa sta ght911...scrive e scappa :laugh: :laugh: :laugh: :woohoo:


#52 Original Is Always Best

    Nepiktybine Ozka

  • Members
  • AkisAkisAkisAkisAkis
  • 3.001 Pranešimai
  • City:Hudds
  • Province:-- OTHER --
  • Gender:Female
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 18:45

Rodyti pranešimąsigmundflower, Jul 22 2007, 18:30, pasakė:

che curiosa sta ght911...scrive e scappa :laugh: :laugh: :laugh: :woohoo:

In che senso scappo? :laugh:


#53 Sigmundflower

    Sigmundflower

  • Puglia
  • 8.651 Pranešimai
  • City:Brindisi
  • Province:Brindisi (Puglia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 18:58

Rodyti pranešimąght911, Jul 22 2007, 17:45, pasakė:

In che senso scappo? :laugh:

appari e scompari :laugh: :laugh: :laugh:
tranquilla...non ti mangio mica :woohoo: :woohoo: :woohoo:


#54 Original Is Always Best

    Nepiktybine Ozka

  • Members
  • AkisAkisAkisAkisAkis
  • 3.001 Pranešimai
  • City:Hudds
  • Province:-- OTHER --
  • Gender:Female
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 19:37

Rodyti pranešimąsigmundflower, Jul 22 2007, 18:58, pasakė:

appari e scompari :laugh: :laugh: :laugh:
tranquilla...non ti mangio mica :woohoo: :woohoo: :woohoo:

hehe e solo che non sai il mio segreto :laugh: cmq torniamo in topic e parliamo di te.. Oops intendevo parliamo di mammoni :laugh: :laugh:


#55 Vito61

    Vito61

  • Lombardia
  • 3.258 Pranešimai
  • City:Molfetta-Brescia
  • Province:Brescia (Lombardia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 22 liepos 2007 - 22:41

Rodyti pranešimąsopranoLT, Jul 22 2007, 16:09, pasakė:

Una persona che vive con i genitori, non è neccessariamente mammone. Anzi, non ci vedo assolutamente niente di male. Essere mammoni per me vuol dire essere le persone immature, servite e riverite dai genitori che non hanno nessun dovere in casa. E non ditemi che una persona di 30 o anche meno anni non è in grado di lavare i piatti, rifarsi il letto e fare almeno le piccole collaborazioni in casa? E normale che una persona (la magior parte gli uomini, ma anche certe donne) si rende totalmente incapace a lavarsi i propri vestiti, prendersi cura di vicende domestiche etc. A parte le questioni domestiche anche essere viziati, egoisti ed essere incapaci di prendere qualsiasi decisione senza il parere della mamma per me vuol dire mammonismo.
E la mia domanda : Come influenza il mammonismo la vita familiare? era rivolta prorio a quello. Pensate che la persona che nella sua vita non ha mai avuto i doveri (a parte lavorare, magari) poi sia capace a prendersi cura di se stessa.


Il problema non sono i figli mammoni, ma i genitori.
Il mammismo è l’altra faccia della medaglia dei conflitti genitori-figli. Dove i figli trovano ambienti famigliari conflittuali o peggio ancora ostili, questi possono scatenare in seguito forti contrapposizioni. Dall’altra parte abbiamo genitori che proiettano sul bambino tutto il loro esagerato amore, le loro speranze e ansie o le loro paure(in buona fede si intende) distorcendo il rapporto cognitivo con il piccolo che può protrarsi anche per decenni (nessuno dice che è facile fare il genitore), con la conseguenza di compromettere fondamentali necessità primarie (nutrirsi, vestirsi, curarsi ecc.)del ragazzo ormai diventato adulto. Tutto questo compromette poi i successi professionali? A leggere le vostre risposte si e no. Qui entra in gioco la personalità dell’adulto. E, a questo punto, mi tiro indietro.


#56 manu69

    ItaLietuver

  • Toscana
  • 2.901 Pranešimai
  • City:Sud Toscana
  • Province:Grosseto (Toscana)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 24 liepos 2007 - 14:49

...gli italiani sono mammoni. Ma le italiane sono "tutte papà". In Italia c'è questa strana preferenza : mamma-figlio e babbo-figlia in altri paesi è il contrario. Forse anche da questo sviluppa una propensione al sesso opposto, tipico dei latini...


Rodyti pranešimąmanu69, Jul 24 2007, 13:42, pasakė:

Concordo con le lituane che si lamentano del nostro ( e mio ) mammismo ...gli italiani sono mammoni. Ma le italiane sono "tutte papà". In Italia c'è questa strana preferenza : mamma-figlio e babbo-figlia in altri paesi è il contrario. Forse anche da questo sviluppa una propensione al sesso opposto, tipico dei latini...



Rodyti pranešimąmanu69, Jul 24 2007, 13:47, pasakė:

...gli italiani sono mammoni. Ma le italiane sono "tutte papà". In Italia c'è questa strana preferenza : mamma-figlio e babbo-figlia in altri paesi è il contrario. Forse anche da questo sviluppa una propensione al sesso opposto, tipico dei latini...
... ma che è 'sto casino..?! scusate.


#57 man67

    Expert

  • Lombardia
  • 997 Pranešimai
  • City:Mantova
  • Province:Mantova (Lombardia)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 24 liepos 2007 - 17:24

Dipendere dalla mamma per le esigenze pratiche della vita e' fatto per svariatissimi motivi che avete gia' analizzato. Le conseguenze di posticipare il momento dell'allontanamento dalla famiglia primaria a quella che tu ti devi costituire quelle sono gravi.

Spesso la gente si sposa/accompagna molto avanti con l'eta' e l'avere figli spesso diventa quasi impossibile per motivi anagrafici, questo e' il vero problema causato dallo stare in famiglia molto a lungo.

PS
Quste considerazioni sono frutto del massacro inferto al mio vecchio e logoro fisico di 39enne dalle coliche seral/notturne del mio secondogenito mikas ;)


#58 Eglania

    Amateur

  • Vilniaus
  • 229 Pranešimai
  • City:Vilnius
  • Province:Vilniaus m. (Vilniaus)
  • Gender:Female
  • Language:

Parašė 25 liepos 2007 - 18:34

Qualcosa a proposito sul mammonismo dei lituani:

http://www.veidas.lt/lt/leidinys.full/44dc...58a9ee0d993c7b1

Putroppo anche l'articolo è in lituano...


#59 gorizia

    Amateur

  • Inactive
  • AkisAkisAkis
  • 160 Pranešimai
  • City:Gorizia
  • Province:Gorizia (Friuli-Venezia Giulia)
  • Gender:Female
  • Language:

Parašė 26 liepos 2007 - 11:52

Sono d'accordo con Byrof.
Comunque mammonismo ha tanti latti positivi.Il mio marito-Ex SUPER MAMMOME.Sono arrivata io e lui ha diventato "moglione" (se si puo dire cosi-cocco di moglie).La sua mamma non mi ha perdonato per questo che ho portato via da casa sua il figlio.Pero' mi e' andato benissimo.La madre di mio marito tutta la vita in sua famiglia diceva che difficile gestire una casa,che lavoro della donna deve essere piu' aprezzato,che tutto che fa a casa una donna e' super.Grazie a lei-adesso ho un marito che aprezza ogni piccolo lavoretto che faccio a casa (non parlando di grandi).Il mio ex mammone si ricorda bei tempi a casa dei genitori pero' non vorrebbe mai tornare stare con loro insieme.Ed ha imparato fare tutto a casa nostra-tutto quello che prima non faceva e non sapeva a fare casa dei suoi. Solo un momento molto strano-il mio marito non vuole che il nostro figlio diventasse mammone.Io invece sono diventata tipica mamma di un mammone.Mi piace di esserla.Se il mio figlio diventera' come il suo papa'-benvenga.Per me importante che da un mammone diventassi un uomo vero.Dopo sara' il mio problema come staccarsi dal figlio.


#60 icekemia

    ItaLietuver

  • Vilnius
  • 3.249 Pranešimai
  • City:Vilnius
  • Province:Vilniaus m. (Vilniaus)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 26 liepos 2007 - 12:44

interessante sviluppo
le mamme lituane che vivono in italia diventano come le mamme italiane?