Warning: Illegal string offset 'html' in /home/smartsup/public_html/italietuva.com/forum/cache/skin_cache/cacheid_1/skin_topic.php on line 926
Finito Il Mondiale Parliamo Di Calcio. - ItaLietuva Forum

Peršokti prie turinio


Finito Il Mondiale Parliamo Di Calcio.


Nėra atsakymų šioje diskusijoje

#1 maggi

    Amateur

  • Marche
  • 411 Pranešimai
  • City:Ascoli Piceno
  • Province:Ascoli Piceno (Marche)
  • Gender:Male
  • Language:

Parašė 23 liepos 2010 - 17:01

Passata l’euforia e la delusione per questa tornata Mondiale, felici per la buona sorte di Paul e di Bomzas, forse sarebbe il caso di aprire una discussione un poco più seria.
Vorrei volgere il pensiero ad un terribile e a mio parere trascurato fatto di sangue: “Hannover, italiano ucciso per una lite sui Mondiali”.
http://www.repubblica.it/esteri/2010/07/05...nnover-5397748/
Qualcuno dirà di certo che dietro la scintilla della banale discussione sul Mondiale c’è l’innato e mai sopito razzismo teutonico nei confronti delle altre razze (la ns in particolare), altri invece potrebbero dire che fra loro, forse ci potrebbe essere stato qualche vecchio rancore personale, altri ancora potrebbero trovare mille altre teorie comunque tutte volte sminuire il fattore “Tifo violento ed irrazionale presente oggi nel gioco del Calcio”.
Ultras violenti allo stadio e fuori, discussioni violente nei bar e nelle strade, liti in casa fra padri e figli, tra fratelli, amici che finiscono per diventare nemici, mogli trascurate per la febbre del calcio.
http://www.tuttograt...e_mondiali.html
Nella mia mente resta ancora viva la tragedia dell’Heysel:
http://it.wikipedia.org/wiki/Strage_dell'Heysel
Ero ragazzo volevo guardare la partita al bar, la grossa preoccupazione dei grandi fu la possibilità di sospensione della partita.
Calcio che fra anticipi e posticipi ogni giorno riempie giornali e televisione.
Moviola, commenti, diatribe, uno stillicidio che serve solo a produrre odio.
Il Calcio ormai ridotto al servizio delle TV e del business.
Potrei andare avanti per ore, ma penso che questo basti a farci riflettere per un attimo.
A tal proposito tempo fa ho scritto una storia per mio figlio proprio sulla febbre del Calcio, permettetemi:

Il Calcio parlato

Pippo è un meticcio marrone con sfumature tendenti al nero.
E’ un cane di quartiere amato e nutrito da tutti e per questo trascorre molto tempo nel Bar del Corso fra gli uomini.
Tra un discorso sul calcio ed un altro sempre sul calcio lui rimedia sempre qualcosa. Patatine, biscotti, gelati e di tanto in tanto anche qualche bicchiere di birra.
Però questi uomini quanto strillano.
Le offese sono all’ordine del giorno.
Una volta addirittura per un fuorigioco dubbio è scoppiato il finimondo.
Bicchieri che volavano, bottiglie rotte, tavoli e sedie ribaltate.
Tanto che Pippo si è perfino beccato un calcio nel sedere.
Un terribile calcione che gli ha fatto vedere tutte le stelle del firmamento.
-Acciderbolina!- esclamò il povero Pippo, -un’altra botta come questa divento zoppo.
Sarà anche bello mangiare e bere a sbafo, però una patatina, un biscottino ed un gelato di tanto in tanto non valgono la stupidità degli uomini.-
Da quel giorno Pippo non mette più piede nel bar.
Ogni volta che sente le urla degli uomini, pensa sempre che in fondo in fondo se lui non sa parlare, non è poi tanto grave se la voce deve essere spesa per litigare per il calcio.

Sarà anche banale, ma di estrema attualità.
Ho badato che mio figlio facesse sport, ma davanti la tv preferiamo altri programmi alla partita di Calcio.
Da giovane frequentavo gli stadi e non perdevo una partita della squadra del cuore, poi eventi tragici, truffe, corruzioni mi hanno aiutato ad andare altrove.
E’ stato come smettere di fumare.